8 Ottobre 2016 - Zawadi incontra gli studenti dell'Istituto Galilei di Trento

8 Ottbre 2016

Un adolescente tanzaniano, disabile, racconta la sua storia agli studenti del liceo (link al sito della scuola)

Ci sono molte storie che andrebbero raccontate. La vita del diciottenne Zawadi è una di queste.

Nato nel cuore della Tanzania con una paralisi cerebrale infantile, Zawadi riesce a comandare solo il suo piede sinistro; gli altri arti sono fuori dal suo controllo. Nella sua casa dal pavimento di terra, già da bambino inizia a sognare di frequentare una scuola. La strada è in salita, le difficoltà di accettazione sono infinite, i maestri e gli altri ragazzi lo rifiutano. Zawadi e la sua famiglia non si arrendono: la mamma si carica il figlio sulla schiena e bussa a tante porte. Finalmente una si apre: è la porta di una onlus italiana, la Nyumba ali (Casa con le ali, nata dalla volontà e intraprendenza degli straordinari coniugi Bruna Fergnani e Lucio Lunghi), che accoglie, cura, nutre e istruisce bambini disabili. Quotidianamente, Zawadi frequenta il centro, che si dota di computer, programmi ed educatori professionisti. Zawadi impara a leggere e a scrivere, la matematica, l’inglese, e tutto ciò che gli permette di sostenere e superare gli esami che concludono i 7 anni della scuola primaria.

Zawadi ha deciso di raccontare la sua storia in un libro che è stato tradotto e pubblicato in Italia (Io sono Zawadi, ed. Progetto Cultura). La pubblicazione del libro è stata finanziata grazie al contributo di molti donatori privati e dall’Associazione Docenti Senza Frontiere.

La Nyumba Ali ha organizzato per Zawadi, la sua mamma e il suo “maestro di sostegno” un viaggio in Italia per presentare il libro: il Liceo Galilei ha colto questa occasione e lunedì 3 ottobre 7 classi hanno potuto ascoltare la storia di Zawadi, porre domande e riflettere su tanti temi: la disabilità, il diritto allo studio, l’incontro con realtà diverse dalle nostre.

zawadi 22

zawadi 33

zawadi 11